376
post-template-default,single,single-post,postid-376,single-format-standard,stockholm-core-1.2.2,select-child-theme-ver-1.1,select-theme-ver-5.3,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.3.0,vc_responsive
Title Image

Pieno successo dell’edizione 2020 nonostante la pandemia

Pieno successo dell’edizione 2020 nonostante la pandemia

 “Arrivederci in autunno per il Mattia Trivelli del decennale”

L’impegno degli organizzatori annunciato a Maniago nel corso della cerimonia di premiazione “on line”

 “La vostra adesione a questa edizione del Premio Trivelli, data a settembre e riconfermata poco più di un mese fa, ha per noi un valore immenso. Testimonia il vostro attaccamento al vostro lavoro, al territorio, alla Pitina e alle altre eccellenze dell’agroalimentare di queste valli. Una testimonianza che ci impegna a fare sempre di più e meglio per la promozione, soprattutto quando – speriamo presto – inizierà il post-pandemia”. Con queste parole il presidente dell’Ecomuseo delle Dolomiti Friulane Lis Aganis ha concluso a Maniago, nella sede del Museo dell’arte fabbrile e coltellerie, ’ la cerimonia di premiazione del Premio Mattia Trivelli, il concorso tra i ristoratori per il miglior piatto a base di Pitina, giunto alla IX edizione. Una cerimonia che non ha visto il tradizionale convegno itinerante (che si è svolto tutti gli anni in un diverso comune del territorio di produzione della Pitina) e neppure la presenza del pubblico, che ha potuto seguire l’evento sui canali social dell’Ecomuseo.

Hanno portato il loro saluto “in presenza” l’assessora al turismo del comune di Maniago Cristina Querin ed il presidente dei produttori di Pitina, Filippo Bier, che insieme all’Ecomuseo (ed ai partner UTI delle Valli e Dolomiti Friulane e Accademia Italiana della Cucina) organizza dal 2012 la manifestazione, con il supporto dell’Amministrazione regionale. Supporto che ci sarà anche per il futuro, come ha assicurato il direttore marketing di PromoTurismo FVG Bruno Bertero che ha inviato il suo saluto attraverso un video. Presente con un video anche la responsabile del settore alberghiero IAL, Anna Gandini, che ha commentato positivamente l’esperienza (novità dell’edizione appena conclusa) di portare ad Aviano le degustazioni dei piatti in concorso.

Dopo gli interventi di saluto, è seguita la presentazione in video dei piatti in concorso e la lettura del verbale della Giuria. Questi i ristoranti premiati: i premi speciali – quattro, “secondi a pari merito”- sono andati a:

– Trattoria Ai Cacciatori di Cavasso Nuovo con il piatto Arancino con Pitina e porcini, dorato con farina di mais;

Albergo Ristorante Costantini di Tarcento (Ud) con i Ravioli ripieni al mais con Pitina croccante;

– Trattoria La Santissima di Polcenigo con la Fantasia di trota con Pitina caramellata;

– Antica Trattoria Vigna di Castelnuovo del Friuli per il Risotto mantecato con zucca, noci di Castelnovo, provola affumicata e chips di Pitina.

Il premio Mattia Trivelli 2020 è andato all’Albergo Ristorante Belvedere di Sequals, che ha stupito la Giuria con i Biscotti alla Pitina: non si tratta di un dessert, ma di morbidi frollini salati che, accompagnati da una pallina di gelato al Montasio ed una quenelle di formai tal cit si trasformano in un antipasto da ricordare.

Le degustazioni della Giuria sono state effettuate come si è detto presso la sede della Scuola Alberghiera IAL di Aviano. La commissione era composta da Giuseppe Damiani, esperto di turismo sostenibile, Bepi Pucciarelli giornalista enogastronomo e dal direttore del Centro studi regionale dell’Accademia Italiana della Cucina, Giorgio Viel.

Inizialmente programmato per il consueto periodo autunnale e poi rinviato causa pandemia, il concorso 2020 ha visto l’adesione di 26 esercizi (numero che è anche la media storica di nove edizioni): considerata la situazione contingente, un numero di tutto rispetto che testimonia e premia gli sforzi degli organizzatori. I piatti degustati sono stati 23, in quanto tre iscritti sono stati costretti a rinunciare per ragioni contingenti; ma riceveranno ugualmente l’attestato di partecipazione. Complessivamente, dal 2012 a oggi, sono ben 74 i pubblici esercizi che hanno partecipato almeno una volta al premio.

Archiviata la sofferta edizione 2020, si pensa già al futuro: “già dalle prossime settimane – conferma Bidoli – inizieremo a lavorare per il Mattia Trivelli del decennale, in calendario per l’autunno di quest’anno. Nel ricordo di Mattia Trivelli e con i produttori di Pitina vogliamo sostenere il rilancio (e, ci auguriamo, il ritorno alla normalità) dei ristoratori del territorio, che hanno dato e stanno dando una grande prova di professionalità, resistenza, e resilienza”.